Domanda:
Come posso ottenere una carbonatazione più consistente nelle bottiglie?
jmpreiks
2015-03-26 08:26:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Alcune delle mie bottiglie di solito risultano troppo gassate e altre meno gassate. Esiste una buona tecnica per ottenere una carbonatazione consistente? Immagino che sia una funzione sia dello zucchero di innesco distribuito uniformemente che del lievito. Quest'ultimo potrebbe essere più difficile da ottenere dato che si assesta un po 'durante l'imbottigliamento?

Sette risposte:
#1
+11
Denny Conn
2015-03-26 20:19:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink
  1. pesare lo zucchero di preparazione, non misurare il volume
  2. farlo bollire in acqua quanto basta per scioglierlo per alcuni minuti
  3. versare quello sciroppo di zucchero nel secchiello per imbottigliamento
  4. versa la birra sulla miscela di zucchero
  5. mescola delicatamente un paio di volte con un cucchiaio igienizzato

Per me funziona. Spero che funzioni anche per te!

Grazie, questo è esattamente quello che sto facendo, ma in qualche modo ottengo ancora alcune bottiglie che schiumano come un matto e alcune bottiglie che hanno un sapore un po 'piatto. Immagino sia solo la natura della bestia.
@jmpreiks: A quale temperatura mescoli l'adescamento con la birra nel secchio? Una temperatura molto bassa è più difficile da sciogliere l'adescamento nel secchio.
Lo zucchero di adescamento è già sciolto nella soluzione bollita del passaggio 2. Lo lascio raffreddare un po 'nel secchio dell'imbottigliamento prima di aggiungere la birra nel secchio, ma non così tanto che lo zucchero inizi a fuoriuscire dalla soluzione. Ma immagino che potrebbe essere una trappola, se non fai bollire lo zucchero in abbastanza acqua, si ricristallizzerà mentre si raffredda (prima di aggiungere la birra) e potrebbe essere difficile mescolarlo correttamente con la birra.
#2
+3
Pepi
2015-03-26 10:30:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il lievito che carbonizza la tua birra dovrebbe essere già in sospensione, cioè invisibile senza microscopio. Quindi, a meno che tu non abbia filtrato la birra, non preoccuparti del lievito. Non mescolare nemmeno la torta di lievito, quella potrebbe non essere molto felice / gustosa.

Ma dovresti mescolare lo zucchero nella birra per ottenere una buona carbonatazione, come discusso qui e in molte altre domande. Mescolo delicatamente più volte con la mia canna da zucchero sterilizzata, per far girare visibilmente la maggior parte della birra, prima di aggiungere lentamente lo zucchero. Funziona abbastanza bene e se un po 'di torta lievitata viene raccolta, sembra che cada di nuovo.

D'altra parte, se hai bisogno di aggiungere un lievito per il condizionamento, mescolalo nella birra come faresti con lo zucchero.

#3
+1
Anigel
2015-03-26 17:16:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Trasferisci la birra dal fermentatore in un secchio per imbottigliamento igienizzato, che potrebbe essere solo un altro fermentatore, dove la birra viene miscelata uniformemente con tutto lo zucchero di adescamento prima di essere imbottigliata direttamente da lì.

Normalmente il problema della carbonatazione insufficiente / eccessiva è causato da quantità diverse di zucchero di adescamento aggiunto a ciascuna bottiglia quando si carica la bottiglia individualmente. Questa fase aggiuntiva garantisce una distribuzione uniforme dello zucchero di adescamento e del lievito in tutto il lotto in modo che le bottiglie siano molto più consistenti.

#4
+1
Glasseyed
2015-03-26 20:28:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Prima di passare ai fusti, il metodo più semplice e affidabile che ho trovato è stato quello di estrarre un po 'di birra (in genere un litro o giù di lì), scaldarla in una casseruola e sciogliere la quantità appropriata di zucchero di adescamento. Ho usato destrosio o un altro zucchero invertito poiché sembra più probabile che fermenti completamente e meno propensi a conferire aromi.

Ovviamente ho lasciato raffreddare il liquido di adescamento prima di rimescolarlo delicatamente nel lotto principale .

[modifica: Oops, ho appena notato che Denny Conn mi ha battuto di circa 8 minuti. Lo lascerò per qualunque cosa valga. ]

Mi dispiace ma non riesco davvero a vedere il vantaggio di usare l'acqua per sciogliere lo zucchero. Sembra che sia più lavoro ed è probabilmente dannoso per la birra (potenziale di ossidazione, stress del lievito da calore, esposizione batterica a temperature di incubazione, ecc.). Anche se colpisce solo il 5% di un 5 galloni. batch, il percorso dell'acqua sembra molto più facile e meno dannoso per l'avvio.
L'ho fatto in questo modo per un paio di motivi: il mio primissimo libro sulla birra fatta in casa (The Art of Making Beer, di Stanley Anderson) lo consigliava.
Ho postato per sbaglio il precedente, quindi non sono riuscito a modificare / completare il mio commento. Ho mantenuto, e continuo a tenere, le mie damigiane riempite al massimo e ho usato per imbottigliare direttamente dalla damigiana senza usare un "secchio di imbottigliamento". Ciò ha virtualmente eliminato ogni possibilità di ossidazione nel lotto principale. Se la piccola quantità di liquido di adescamento fosse ossidata, non potrei assaggiarla. Quindi per me non è stato più un problema del metodo del secchio di imbottigliamento.
Non volevo assolutamente deridere la tua scelta di metodi. Se funziona in modo soddisfacente, va tutto bene. Volevo solo sottolineare le potenziali insidie ​​nel portare la birra all'aria aperta e riscaldarla, il che per me è piuttosto lontano dall'ideale, soprattutto quando c'è un'alternativa facile che evita di doverlo fare. Ciò che conta davvero è come influisce sulla birra finita, e se non c'è o il minimo danno evidente per te, anche questo va bene.
Nessun problema. Se usassi il metodo ormai standard del secchio per l'imbottigliamento, l'acqua avrebbe perfettamente senso. Il fatto è che probabilmente sono passati 30 anni da quando sono passato dalle bottiglie ai fusti. :-)
#5
  0
Trigger
2015-03-26 22:10:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Probabilmente vorrai assicurarti di mettere la stessa quantità di zucchero in ogni bottiglia ... Credo che il modo migliore sia usare una siringa.

#6
  0
user16245
2018-04-19 20:30:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho avuto lo stesso problema, diverse volte. Bottiglie diverse con diversi livelli di bolle. Penso che potrebbe dipendere dal `` condizionamento '', fai attenzione a rispettare le linee guida per ogni tipo di birra, una volta nelle bottiglie entra in gioco molta scienza diversa, luce, temperatura, vibrazioni e tempo devono essere tutti gestito con cura. All'inizio la luce è la chiave del mio problema. I lieviti hanno bisogno di tempo per mangiare lo zucchero di adescamento e dare il giusto mix di bolle e schiuma, quindi se ottengo un infuso che è chiaro ma un po 'morto gli do solo un po' più di tempo per sistemarsi. Alla fine, è una tua creazione, una birra, ed è quello che è, cerca di non confrontarla con le altre e goditela per quello che è.

#7
-1
Luis Ramos
2015-03-26 09:36:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Esiste un grafico che fornisce queste informazioni. Uso i cubetti di zucchero per la coerenza. http://www.google.com/imgres?imgurl=http://www.kegoutlet.com/media/uploads_ckeditor/Carbonatin-Chart.jpg&imgrefurl=http://www. kegoutlet.com/keg-carbonation-chart.html&h=741&w=960&tbnid=MlpE8A_fRys_XM:&zoom=1&docid=2lDqdYiB4YtYLM&ei=74sTVa7FD4uyogSN3YGYDA&tbm=isch&client=ms-android-hms-tmobile-us&ved=0CB0QMygAMAA

Ciò è principalmente utile per indirizzare il giusto livello di carbonatazione, ma non tanto per la risoluzione dei problemi delle differenze da bottiglia a bottiglia dallo stesso lotto.
Amico, uso i cubetti di zucchero per questo, o mescolo lo zucchero prima dell'imbottigliamento
OK, se hai un consiglio che potresti condividere su come migliorare la coerenza, ti suggerirei di modificarlo nella tua risposta per renderlo più pertinente alla domanda che è stata posta.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...