Domanda:
Qual è lo scopo del dry hopping a intervalli (aggiunte multiple)?
Mlusby
2011-04-12 20:55:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quale sarebbe lo scopo nell'aggiungere il luppolo secco, quindi rimuoverlo prima di aggiungere una seconda, anche terza aggiunta, piuttosto che mettere semplicemente tutto il luppolo secco nello stesso momento?

Se la risposta ha a che fare con il desiderio di un contributo più forte da una varietà di luppolo, per favore spiega perché sarebbe diverso dall'abbassare o aumentare la quantità di luppolo.

Mlusby, grazie per l'esperimento, è da un po 'che penso a questo problema. Mi chiedo quale sarebbe stata la differenza se avessi lasciato il lotto da 3oz per 8 giorni, in modo che i luppoli sarebbero stati tutti in contatto per lo stesso periodo di tempo?
Sei risposte:
#1
+5
Denny Conn
2011-04-12 21:17:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non c'è niente da guadagnare da quella pratica, davvero. Non riesco a immaginare perché qualcuno dovrebbe prendersi la briga di farlo.

Se le persone sono interessate a introdurre ulteriore ossidazione e sapori stantii nella birra, direi che è il modo migliore per farlo. Sono d'accordo con Denny. Troppo fastidioso con poca ricompensa.
Potete per favore fornire alcune prove / fonti?
La mia sperimentazione ed esperienza sono ciò che faccio.
#2
+5
Hopwise
2011-04-14 01:27:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Molti birrai che producono ottime birre dry luppolate hanno un limite al numero di giorni in cui lasciano le loro birre sul dry hops. Ad esempio, questa presentazione sull'IIPA del birraio casalingo Nathan Smith (PDF), afferma che Firestone Walker utilizza solo luppolo secco per 5 giorni e Smith suggerisce un tempo di contatto massimo di 7 giorni. E Smith riassume lo scopo di più piccole aggiunte di luppolo secco come dare alla birra "un aroma più grande e più duraturo".

La cosa da tenere a mente qui è che questi birrai usano le coniche e possono tirare il salta fuori dalla birra utilizzando la valvola di fondo nella conica, prevenendo problemi di ossidazione. Se non stai usando un conico, sarà un po 'più complicato fare più piccole aggiunte di dry-hop ed evitare l'ossidazione. Il mio approccio sarebbe quello di dry hop in un barile. Conserva il luppolo secco in sacchetti di luppolo e appendi i sacchetti dal coperchio usando una lenza o qualcosa di simile. Riempi lo spazio di testa del fusto con CO2, lascia il luppolo nella birra per 5-7 giorni, tira il sacchetto e poi ripeti il ​​processo tutte le volte che vuoi.

Farà una grande differenza rispetto al semplice facendo un'aggiunta di luppolo? Sta a te decidere, è la tua birra. Provalo in entrambi i modi e vedi cosa preferisci.

Ottimo collegamento. Sono ancora perplesso come il luppolo interagisca in modo diverso in piccole quantità ripetutamente invece che tutto in una volta, poiché Denny e altri ovviamente credono che non lo facciano.
#3
+3
Mlusby
2011-05-21 23:36:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ok, ecco l'affare: credo che il tempo sia il fattore predominante nel dry hopping e in precedenza pensavo che la quantità fosse altrettanto importante.

Ho fatto un IPA con Rye, double dry hopping, diviso in:

  1. 1,5 once di luppolo per 4 giorni, 1,5 once di luppolo per 4 giorni
  2. 3 once di luppolo per 4 giorni.
  3. ol >

    Anche se non mi aspettavo una differenza e con l'aiuto di un amico molto bravo a distinguere le differenze, abbiamo determinato che il primo lotto era significativamente più aromatico. Questo è in qualche modo evidente nell'odore, ma anche molto pronunciato nei tuoi seni, una grande aggiunta a una birra di cui ora sono abbastanza orgoglioso.

    Questo sembra confermare che una quantità significativa del tuo aroma proviene da tempo a contatto con il luppolo, più che la quantità di luppolo. Pertanto, immagino che più aggiunte siano il modo migliore per ottenere il massimo aroma, una volta che sei preoccupato di lasciare il luppolo in più di x giorni (molte persone differiscono sul tempo necessario per ottenere un sapore sgradevole da troppo tempo a contatto con il luppolo).

#4
+2
baka
2011-04-14 01:19:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vinnie Cilurzo lo fa (lo ha fatto), per quello che vale. Da quell'articolo, sembra che il punto sia mantenere un "grande" aroma di luppolo fresco, rimuovendo la maggior parte dei "pezzetti" prima che possano contribuire in modo significativo a sapori / aromi.

#5
+1
markskar
2011-04-14 00:55:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non ho sentito di nessuno che lo faccia effettivamente, ma immagino che la logica sia che il dry hopping per più di 5 giorni circa può portare a sapori "staminali" o erbacei. Immagino che se stavi cercando di esagerare con il dry hopping potresti ottenere un piccolo aroma in più senza i sapori staminali / erbacei.

Detto questo, non è necessario farlo. Usare la quantità appropriata di luppolo secco solo una volta dovrebbe sempre fare il trucco.

#6
  0
Sam
2013-04-08 14:46:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per quanto ho capito, lasciare il luppolo per un breve periodo dà aroma, un tempo medio dà frutta e un tempo lungo dà sapori vegetali / erbosi.

Quando si prepara un tè al gelsomino di alta qualità, fresco i fiori vengono mescolati con il tè e lasciati per un giorno, prima di essere estratti e aggiunti altri fiori freschi. Questo processo viene ripetuto più volte.

Un lungo periodo di dry hopping non ti darà necessariamente sapori erbacei o vegetali. Di solito faccio il dry hop per mesi e non ho mai avuto problemi.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...